Vibo Valentia

Pagina 1 di 11

La Cartolina da Piedigrotta

io-resto-in-calabria037-jpg

Ecco un altro dei meravigliosi luoghi della nostra terra, la Chiesetta di Piedigrotta, situata al centro dello splendido scenario del Golfo di Sant’Eufemia, nel territorio di Pizzo (VV).
Essa è una piccola grotta che offre al visitatore uno spettacolo unico, intriso di mito e leggenda…
Le sue origini sono dovute alla salvezza di un equipaggio napoleta­no che fu colpito da una tempesta proprio mentre passava lungo le coste di Pizzo verso la metà del ‘600…

La Cartolina da Tropea

io-resto-in-calabria-copertina032-jpg

Semplicemente Tropea (VV), la “Perla del Tirreno”.
Oggi è uno dei luoghi turistici più conosciuti al mondo ma la storia di questa cittadina inizia già in epoca romana. A sud di Tropea i Romani avevano costruito un porto commerciale, vicino S.Domenica (VV), a Formicoli (cioè corruzione di Foro di Ercole), di cui parlano Plinio e Strabone.
Si vuole che il fondatore sia stato Ercole che, di ritorno dalla Spagna (Colonne d’Ercole), si fermò sulla Costa degli Dei e secondo questa leggenda, Tropea divenne uno dei Porti di Ercole.
Per la sua caratteristica posizione di terrazzo sul mare, Tropea ebbe un ruolo importante, sia in epoca romana sia sotto i Normanni e gli Aragonesi.

La Cartolina dagli Sabariati

io-resto-in-calabria-copertina028-jpg

La nostra regione è costellata da grotte modellate dall’uomo. Esse testimoniano un particolare modello di vita sociale che ebbe come protagonisti, fra tanti, i monaci “Basiliani”.
L’insediamento rupestre degli “sbariati” (sbandati) di Zungri (VV), sebbene non sia molto conosciuto è, per più ragioni, il più importante di questi luoghi. Infatti, per citarne alcune, risulta documentata la sua frequentazione fino al XIV secolo e, inoltre, si tratta della più vasta area abitativa di tale tipo.
Un luogo ricco di storia e di misteri, il villaggio rupestre è datato dagli studiosi fra il XII – XIV secolo ed è costituito da circa 100 case-grotta scavate nella roccia con ambienti monocellulari e bicellulari, alcuni anche a più piani.

Il villaggio si articola su un costone lungo uno dei versanti del fosso Malopera ed occupa una superficie di circa 2900 mq. Chiaramente visibile è l’impianto urbano dell’insediamento con la rete viaria che si articola con percorsi e scalinate che da monte a valle conducono alle varie cellule abitative.

Pagina 1 di 11

I miei tweets…

Archivio

aprile: 2018
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Categorie